Comunicato Stampa Anno 2019 N. 33 Apposizione gratuita chip ai cani

COMUNICATO STAMPA

 

N. 33

 

Al via la microchippatura gratuita dei cani nel territorio comisano nell'ambito del progetto “Zero cani in canile”. Sarà possibile microchippare gratuitamente il proprio cane a Comiso sabato 9 marzo prossimo, presso i locali limitrofi al campo sportivo di via Cechov, e il successivo 13 aprile p.v. a Pedalino, presso il Centro Culturale Esperia. Modalità e particolari dell'iniziativa del Comune di Comiso, realizzata in collaborazione l'Asp Ragusa, l'associazione “Vita da Canile” e l'”Anpana” di Comiso e Pedalino sono stati resi noti questa mattina, nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il sindaco Maria Rita Schembari, il direttore del S.I.A.P.Z. igiene urbana del dipartimento veterinario dell'Asp Ragusa Gaetano Gintoli, accompagnato da Salvatore Raniolo dell'ufficio veterinario, il dirigente dell'area IV del Comune Nunzio Micieli, il comandante della Polizia municipale Anna Dibennardo, il sindaco dei ragazzi Alice Calogero, Carmela Rimmaudo dell'Anpana, Elena Iardella educatrice cinofila.

Il sindaco Schembari ha posto l'accento sul fatto che la chippatura dei cani è un obbligo di legge, di sovente disatteso anche perchè sconosciuto. “Si tratta, pertanto, di divulgare una cultura della chippatura dei propri cani – ha detto –. Il microchip è l'unico strumento che permette, in caso di smarrimento o furto del proprio cane, una rapida identificazione e una pronta restituzione al legittimo proprietario. Per i residenti nel Comune di Comiso sarà possibile microchippare gratuitamente il proprio cane esibendo un documento d'identità, una copia del codice fiscale e un numero di telefono. Inoltre, si contrasta il fenomeno spesso pericoloso del randagismo, così come è necessario promuovere una cultura della sterilizzazione per prevenirlo, magari individuando dei canali di agevolazioni per i proprietari”.

Saranno due giornate dedicate alla presa di coscienza del possesso responsabile del cane e incrementare l'anagrafe canina – ha spiegato il dott. Gintoli -. In provincia di Ragusa vi sono sacche di resistenza all'anagrafe canina. A parte l'obbligo di legge, non c'è dubbio che l'iniziativa di cui è protagonista il Comune di Comiso tende a risolvere molti problemi alla radice. Un efficace contrasto al randagismo, è la sterilizzazione dei cani. Essa costituisce un'ottima prevenzione e controllo della nascite, un rimedio spesso sottovalutato. É necessario un investimento pubblico, ma ciò deve avvenire non quando bisogna affrontare l'emergenza bensì proprio sul controllo delle nascite degli animali. E' questa iniziativa un'ottima occasione per avviare altre collaborazioni col Comune, penso a un ufficio tutela animali che potrebbe nascere a Comiso”.

L'ing. Micieli e il comandante Dibennardo hanno rilevato come la lotta al randagismo impegni notevoli risorse economiche e di uomini. Inoltre vi sono ben 350 cani, raccolti nel territorio comisano, ospiti di canili con un impegno annuo di spesa di alcune centinaia di migliaia di euro. Spesso sono segnalate intere cucciolate che sono portate ai canili. Sarebbe preferibile, hanno osservato Micieli e Dibennardo, incentivare anche una cultura dell'adozione perchè un cane che entra in canile difficilmente ne uscirà. Il comandante Dibennardo ha infine specificato che esaurite le due giornate di microchippatura gratuita, inizieranno i controlli della Polizia municipale con conseguenti sanzioni pecnuniarie per i proprietari di cani che saranno trovati senza microchip.

Infine il baby sindaco Alice Calogero, Iardella e Rimmaudo hanno parlato di importante passo avanti nel constrato del randagismo e dell'anagrafe canina e dell'affidamente dei cani senza padrone, inoltre di un salto di civiltà e della necessità di una capillare divulgazione tra i giovani e gli studenti di tali tematiche.

Comiso, 6 marzo 2019

S. A. Lauretta

(Tessera OdG N. 83843)