Comunicazione Istituzionale Anno 2017 N. 42 Tour religione e cultura

  • Stampa

 

COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

 

N. 42

 

Farà tappa domani mattina a Comiso l'Education Tour Iblee Religions and Cultures - IRC – Culti e Culture negli Iblei il progetto finanziato dalla Regione Siciliana e finalizzato alla conoscenza e promozione di itinerari turistici dedicati al segmento religioso di cui è ente capofila l'associazione “Cosmo Ibleo” e partner il Comune di Comiso.

All'Education Tour organizzato dalla rete dalla rete IRC parteciperanno un cospicuo numero di tour operator italiani e stranieri accompagnati da giornalisti.

Gli ospiti saranno accolti dalle guide dell'ufficio turistico del Comune presso la Pagoda della Pace in contrada Canicarao, punto d'inizio della visita a Comiso, per poi proseguire in città presso la chiesa ex Cappuccini, le basiliche di Santa Maria delle Stelle e di Maria SS. Annunziata e il Santuario dell'Immacolata con l'annesso chiostro del convento. Infine la carovana si sposterà in piazza Fonte Diana dove il sindaco Filippo Spataro e l'assessore al Turismo Sandra Sanfilippo saluteranno gli ospiti che proseguiranno verso le altre mete del tour.

“Abbiamo aderito con entusiasmo a questo interessante progetto turistico – spiega l'assessore Sanfilippo – perchè costituisce una formidabile occasione per promuovere il nostro territorio ricco di storia e tradizione contribuendo, attraverso il turismo religioso, a destagionalizzare i flussi dei visitatori finora troppo legati al periodo estivo”.

“Comiso rientra a buon diritto in un itinerario turistico del segmento religioso non soltanto perchè conserva ancora oggi vestigia architettoniche di rilievo e capolavori d'arte conservati nelle nostre chiese – commenta il sindaco Spataro – ma, chiese, conventi e palazzi ancora oggi vivi e palpitanti continuano a raccontare e a scrivere una storia ormai ultra secolare che tuttavia, proprio nel ricordo delle radici, guarda al futuro. Feste religiose e gli immancabili prodotti enogastronomici che ad esse si riconducono per tradizione popolare, i quali affondano le loro origini in tempi ormai lontani, infatti, finiscono con l'assumere valenza etnologica meritevole di conoscenza e tutela”.

 Comiso, 21 aprile 2017

S. A. Lauretta

(Tessera OdG N. 83843)